6 giovani designer trovano ispirazione nelle sedie icone del passato

Qualche mese fa pubblicai sul blog un dettagliato articolo su 7 sedie icone di design.

Ora torno a parlare di questo oggetto, tanto comune quanto importante, per presentarvi alcuni modelli di sedie di design che potrebbero diventare, un domani, anch’esse delle icone.

Il passato rimane come riferimento da cui partire. I nuovi designer del 21esimo secolo attingono dai grandi maestri, indubbiamente, ma il loro lavoro si arricchisce di contaminazioni globali.

Colos punta su giovani progettisti provenienti da varie nazioni

Questa azienda, che si distingue per etica e accessibilità, coniuga la tradizione del made in Italy alla visione innovativa di giovani designer internazionali.

Da questa volontà nascono 6 collezioni interamente prodotte in Italia. Largo ai giovani quindi…

JUN YASUMOTO DISEGNA PIAZZA

Franco-giapponese vive e lavora a Parigi dove ha collaborato con diversi brand di design.

La sua PIAZZA ha un’aria famigliare, amichevole. Prende spunto dalle sedute tradizionali dei caffè degli anni ’20. Le forme confortevoli ed equilibrate applicate ad un materiale resistente a qualsiasi tipo di ambiente esterno, la rendono adatta sia a stili classici che contemporanei.

ALBAN LE HENRY HA DISEGNATO STECCA

Vive e lavora a Parigi dove nel 2007 apre il proprio studio di design. STECCA rientra in un progetto allargato che include sedute ispirate ai vecchi modelli realizzati in legno curvato. Il materiale utilizzato è l’alluminio, leggero e adatto ad ambienti esterni. Semplice e accogliente.

FABIAN SCHWAERZLER E LA C1

Designer svizzero che prima di completare gli studi in disegno industriale si forma come fabbro, apprendendo la sapienza delle tecniche artigianali. C1 è una sedia pratica essenziale, interamente realizzata in tubolari di metallo. Proprio la sua essenzialità e semplicità le permette di essere versatile e quindi proposta in diverse varianti.

FRANCESCO MEDA HA CHIAMATO LA SUA SEDIA SPLIT

Figlio d’arte, laureato allo IED di Milano, Francesco Meda dopo l’esperienza formativa in due studi londinesi inizia la sua produzione di oggetti. Dalle lampade a LED ai gioielli stampati in 3D (la serie “Layers”di gioielli in 3D fanno parte della collezione Triennale Design Museum).

SPLIT è prodotta con due materiali sintetici di diversa composizione; uno per la scocca che richiede flessibilità e uno per la base che richiede resistenza. Visivamente leggera e dinamica.

 

JEREMIAH FERRARESE PRESENTA MOMO

Architetto e designer, la sua attività in pochi anni ha ricevuto diversi premi e riconoscimenti a livello internazionale.

MOMO è una collezione di sedute completamente in metallo verniciato. Un approfondito studio delle tecnologie più innovative ha portato alla progettazione di un sistema di sedute robuste, comode, impilabili e belle da vedere.

 

CHRISTOPH JENNI E VESPER, COLLEZIONE DI FAMIGLIA

Cresciuto in Brasile in una famiglia di immigrati svizzeri, deve a questo stimolante mix di culture gran parte della sua formazione. Si è stabilito in Svizzera dove ha aperto il suo studio a Berna.

VESPER è una famiglia di prodotti composta da sedie, poltroncine e sgabelli, la cui versione con base cromata è adatta a spazi interni mentre quella con base verniciata è studiata per gli esterni.

Cosa ne pensate?

Potrebbe esserci tra queste sedie una futura icona di design? 

Teniamoli d’occhio questi 6 giovani designer…

all credits colos.it

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: