PAVIMENTI IN MARMO, SAPETE VALORIZZARLI?

Quando 4 anni fa mi trasferii nella casa in cui attualmente vivo, dovetti rinunciare al parquet che tanto desideravo per questioni di budget. Tutta la zona giorno della casa e il bagno presentavano i pavimenti originali in marmo che, nell’epoca del parquet in tutte le tonalità possibili e immaginabili e del gres porcellanato effetto legno (piuttosto che niente…), mi sembravano veramente antiquati.

A distanza di 4 anni posso dire di essermi sbagliata e di aver iniziato ad apprezzare l’effetto luce che i pavimenti della mia casa riproducono. Questa pietra è stata considerata una delle più nobili sin dall’antichità (Michelangelo Buonarroti prediligeva il marmo bianco di Carrara per le sue opere), gli antichi greci chiamavano il marmo “pietra splendente” per la sua capacità di far penetrare la luce nella sua superficie prima di rifletterla creando una particolare luminosità. Più recentemente artisti e designer hanno imparato a plasmarla e a lavorarla attingendo i segreti dalle botteghe dei marmisti. Anche le carte da parati riprendono le venature di questa pietra, il risultato è sicuramente scenografico.

GLST201A-KALAHARI-amb-web-1180
glamora.it

Potendo scegliere dove posizionare i pavimenti in marmo e quali tonalità utilizzare, è consigliabile optare per i colori scuri solo nel caso di spazi ampi, mentre il marmo bianco in tutte le sue sfumature si inserirà perfettamente in tutte le stanze della casa portando luminosità e raffinatezza. Intramontabile l’accostamento black&white, anzi elegantissimo…

pavimenti-in-marmo_NG1
photo credits

Non potendo scegliere, come è successo a me, bisogna sfruttare al meglio le potenzialità di questa meravigliosa pietra. Se vi ritrovate pavimenti in marmo bianco (sareste super fortunati…), abbinateli ad arredi che presentano elementi in acciaio e vetro e optate per uno stile moderno che ben si sposa alle tonalità chiare del marmo.

photo credits
photo credits

Il marmo nero o scuro sarà tendenzialmente più adatto ad uno stile classico o barocco. In mezzo c’è una svariata gamma di tonalità e venature che comprendono anche il verde e il rosso.

Nel caso di pavimento in marmo rosso consiglio di alleggerire l’ambiente con mobili dal design lineare, moderno privilegiando materiali trasparenti (come il vetro o le materie plastiche) che non entrano in contrasto cromatico con la pavimentazione.

I toni del rosa sono meravigliosi nella realizzazione di bagni sofisticati e di forte impatto.

milgem
Milgem

Un marmo beige o dalle tonalità calde, si sposa perfettamente con il legno, le tappezzerie dai colori pastello e le fantasie floreali.

Le regole servono certo, ma come al solito imparate quelle basilari e sappiate metterle da parte al momento giusto. I vostri occhi e il vostro gusto avranno sempre la soluzione più adatta a rendere unico e personale l’ambiente che state arredando. Quello che potete fare è sicuramente cercare di mitigare l’impatto che può avere un pavimento movimentato e ricco di striature come può esserlo quello in marmo, utilizzando magari un tappeto in tinta unita o che contenga almeno dei richiami alle nuance presenti nel marmo.

Trovandomi io stessa a dover arredare un ambiente living caratterizzato da pavimenti in marmo chiaro con striature beige mi sono affidata al mio istinto scegliendo un tappeto con cromie non troppo forti che legassero con le sfumature della pavimentazione.

new

Chi vince la sfida tra marmo e parquet? Come al solito a vincere è sempre e solo il buon gusto…

photo credits 
immagine in evidenza desainer.it 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: